A milano si ferma il gioco d’azzardo

Ormai, forse non fa più notizia -o forse sì- ma ancora una volta Milano dice no ad altre tre sale da gioco. Questa volta è toccato a due “Sisal Match Point” una in Corso Indipendenza 6 e l’altra in Viale Corsica 64 dove sino a poco tempo fa esistevano due banche e la terza “Bet1128”, già in attività in Via Bernardino De Conti 6, che è stata addirittura posto sotto sequestro della Polizia in quanto priva dell’autorizzazione del Questore. Per le prime due, invece, dopo le verifiche effettuate dalla Polizia locale, l’Assessorato all’Urbanistica ha immediatamente bloccato le due sale già pronte ad “accogliere pubblico”. La guerra quindi continua in modo capillare ed attento ed è veramente un’impresa difficile sottrarsi ai controlli dell’attenta Polizia Locale milanese: il territorio è continuamente monitorato e salvaguardato ed il numero dei locali “fermati” sale ad otto… e non è certamente poco.

Lo “stop” ai locali di Via Indipendenza e Viale Corsica è stato possibile poiché a Milano si attua una “linea dura” da parte del Comune ed è stato riorganizzato e reso “più prescrittivo” tutto il sistema dei titoli edilizi obbligando i proprietari a dichiarare espressamente le attività come le sale da gioco e sale scommesse ed il rispetto “assoluto” delle distanze dai luoghi sensibili. A Milano sta funzionando ampiamente il “lavoro di squadra” tra l’Amministrazione centrale, le zone e la Polizia Locale che sono tutti uniti con l’obbiettivo di usare la legalità per combattere il gioco d’azzardo.